Casa Priscilla ha finalmente una nuova sede e #Padovanonsiferma raccoglie i fondi per ristrutturarla

Casa Priscilla ha finalmente una nuova sede e #Padovanonsiferma raccoglie i fondi per ristrutturarla

Comune firma

Firma nuova casa

Negli uffici del comune è avvenuta la firma per l’acquisto della nuova sede. «Facciamo un salto di qualità – spiega Suor Miriam – e noi abbiamo avuto il coraggio di farlo, non per noi, ma per chi ci sta accanto e ci chiede “se puoi aiutami”»

Casa Priscilla ha finalmente una nuova sede. E #Padovanonsiferma raccoglie i fondi per ristrutturarla

#Padovanonsiferma, anzi, continua a prefiggersi obiettivi sempre più ambiziosi : sì, perché il gruppo di ristoratori unitisi durante il lockdown per sostenere realtà come le cucine popolari o anche “solo” regalare un sorriso, come con le uova di Pasqua consegnate ai ragazzi del reparto di pediatria, oggi ha una nuova missione: raccogliere 300 mila euro in un anno per permettere parte della ristrutturazione di Casa Priscilla.

Casa Priscilla

La casa di accoglienza minori (l’unica della città aperta 24/24), dopo 17 anni, ha trovato infatti una nuova sede al numero 4 di via Vlacovich. Miracoli, così li ha definiti la minuta quanto energica direttrice del centro, Suor Miriam, mentre raccontava che anche grazie a 117 mila euro ricevuti nel corso degli ultimi tre anni da una donatrice padovana anonima, questa mattina negli uffici del comune è avvenuta la firma per l’acquisto della nuova sede.

Salto di qualità

«Facciamo un salto di qualità – spiega Suor Miriam – e noi abbiamo avuto il coraggio di farlo, non per noi, ma per chi ci sta accanto e ci chiede “se puoi aiutami”: ecco il perché della firma di oggi. Dopo 17 anni trascorsi nella vecchia sede dove stavamo in comodato per intercessione della madre di alcuni ragazzi a cui io stessa ho fatto da educatrice 20 anni fa e che aveva acquistato l’immobile proprio per darci la possibilità di usufruirne, ora avremo uno spazio più grande per poter offrire a un numero maggiore di persone l’aiuto di cui hanno bisogno».

Gruppo fronte comune

Il gruppo fa una foto al di fuori del comune dopo che è avvenuta la firma